Il grande passo

“E’ la storia di due fratelli, Mario e Dario Cavalieri (Stefano Fresi e Giuseppe Battiston), tanto simili nell’aspetto fisico, quanto diversi caratterialmente. Dario abita in un casolare nei pressi di Rovigo, è uno che va controcorrente e ha un sogno nel cassetto; dopo che nel 1969, quando aveva 6 anni, ha assistito in diretta allo sbarco dell’uomo sulla Luna, ha desiderato sempre mettere piede sul nostro satellite, tanto da guadagnarsi in paese il soprannome “Luna Storta”.
Mario vive a Roma dove gestisce un negozio di ferramenta. Al contrario di suo fratello, è un uomo attento a seguire ogni regola, ma totalmente svogliato e demotivato. I due hanno in comune solo un genitore, il padre, che li ha abbandonati facendo perdere ogni sua traccia, e il vuoto lasciato dalla figura paterna.
Spinto da quanto gli disse suo padre in quella notte del ’69, ovvero che sognare è ciò che distingue gli uomini dagli animali, Dario decide di lanciarsi con un razzo alla volta della Luna. Il suo tentativo di allunaggio, però, si rivela fallimentare e l’uomo si ritrova con un campo incendiato, una denuncia e in prigione. Questo evento permetterà ai due fratelli di riunirsi, quando il telefono di Mario squilla essendo l’unico parente prossimo e presente di Dario, ed è chiamato in causa per occuparsi di lui. Nonostante il romano abbia visto una sola volta il fratello, decide di partire per il Veneto per aiutarlo e provare a evitargli un TSO.
I due, finalmente insieme, si ritroveranno uniti per la prima volta nella loro vita in un’impresa comune…”