BUON ANNO RAGAZZI

Giacomo, insegnante di filosofia e scrittore precario, si trova a passare da solo, per sua scelta, la notte di Capodanno. Ma a poco a poco l’appartamento si affolla di ospiti a sorpresa che, per i più svariati motivi, hanno bisogno di lui. Il risultato è uno spettacolo esilarante – dai toni brillanti da situation comedy anglosassone – sull’incapacità di esprimere i nostri sentimenti e di utilizzare un vocabolario leale e dolce con le persone che ci sono più vicino.