Sully

“Il 15 gennaio 2009 un aereo della US Airways decolla dall’aeroporto LaGuardia di New York, con 155 persone a bordo. L’airbus è pilotato da Chesley Sullenberger, detto “Sully”, ex pilota dell’Air Force che ha accumulato esperienza e macinato ore di volo. Due minuti dopo il decollo uno stormo di oche colpisce l’aereo e compromette irrimediabilmente i due motori: Sully ha poco tempo per decidere e trovare una soluzione. Impossibile raggiungere il primo aeroporto utile, impossibile tornare indietro. Il capitano segue l’istinto e tenta un ammaraggio nel fiumeHudson. L’impresa riesce, equipaggio e passeggeri sono salvi. Eroe per l’opinione pubblica, Sully deve rispondere dell’ammaraggio davanti al National Transportation Safety Board. Oggetto di un’attenzione mediatica morbosa, rischia posto e pensione. Tra udienze federali e confronti sindacali, stress post-traumatico e conversazioni coniugali, accuse e miracoli, Sully cerca un nuovo equilibrio privato e professionale.”